“In un mondo che almeno da tre decenni si definisce ‘liberista’ e predica la libera circolazione di merci e denari, sono sempre più numerosi i muri che vengono alzati. La globalizzazione, che avrebbe dovuto portare ad un progressivo abbattimento delle barriere rimaste, è stata in realtà causa di rinati timori sulla sicurezza”.
“Gli Stati giustificano la creazione di barriere con ragioni di sicurezza, contro il terrorismo, per bloccare trafficanti di armi e droga. In realtà, servono solo a bloccare – in ogni direzione – la libera circolazione degli esseri umani”.
Per la tua privacy Facebook necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy_Policy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto

“Un terzo dei paesi del mondo presenta attualmente recinzioni, di diverse tipologie, lungo i suoi confini. Ai muri vengono spesso aggiunte mine e altri sistemi di sicurezza. Sistemi che fanno aumentare, ogni anno, il numero di incidenti e morti”.

Per restare sempre aggiornato, iscriviti alla Newsletter.