di Luca Ronco – lucaroncoluca@gmail.com


Butti un’occhiata al telefono mentre, in una serata con amici, inizi a organizzare le vacanze estive: “da domani tutta Italia zona rossa, uscire di casa solo per assoluta necessità”. Nessuno sembra crederci; si continuano a cercare voli e posti dove dormire.

Il mattino scopri che è tutto vero: strade deserte, mascherina sul viso per andare al supermercato e tricolori sui balconi. Alle 18, dalle finestre, musiche e canzoni. “Azzurro” non manca mai; ogni giorno si canticchia anche del treno dei desideri.

Dove prima tutto correva veloce, ora c’è solo immobilità silenziosa.

Alla nuova realtà non ci si abitua. Il pensiero è fisso sulla ripartenza, sul ritorno alla normalità.

Sai bene che il mondo presto riprenderà la sua corsa, ma tante cose dovranno cambiare. E allora pensi ai desideri che compongono i vagoni del tuo treno: magari la riorganizzazione del mondo per la ripresa sarà l’occasione per vederne realizzati alcuni.

Sogni un mondo più giusto e più umano. Dove ciascuno pensi agli altri almeno tanto quanto pensa a sé. E contro gli ultimi non si punti al dito, ma si porga la mano per potersi rialzare. Un mondo che si ricordi anche di chi fino a oggi è stato invisibile e che sia accessibile a tutti. Sogni che per essere solidali gli uni con gli altri non serva più una pandemia che ferma tutto per settimane.

Poi ti sembra impossibile che un treno dei desideri così possa arrivare a destinazione. Ma fino a ieri ti sembrava impossibile anche dover passare due mesi chiuso in casa, e così non è stato. Non ti resta dunque che prepararti al ritorno alla vita di sempre, pronto a mettercela tutta perché almeno uno di questi sogni diventi realtà.


It’s a regular evening with friends. You are finally starting to make plans for the summer. You look at your phone and read: “starting tomorrow, all of Italy qualifies a red zone. You will only be permitted to leave your home if absolutely necessary”. You all ignore it; it can’t be real. You continue to look for flights and places to sleep.

The next day, however, you realize it’s real; the streets are empty, everyone is wearing masks in the supermarkets, and the Italian flag is hanging from the balconies. At 6 P.M. music can be heard from the window. “Azzurro” is a must; every day we sing from our balconies and from the “train of desires” (*).

Where once everything seemed to move so fast, now all is still and silent. It’s impossible to get used to this situation. There is always the constant thought of when we’ll be able to start again, to go back to normality.

It’s inevitable that things will start again soon, but many things will have to change. So you think of all the desires that make up the wagons of your train. Maybe, as the world reorganizes itself, you will finally be able to see some of these fulfilled come to realization.

You dream of a world that is more just and more humane. You dream of a world where everyone thinks of the other as much as he thinks of himself. You dream of a world where people don’t blame the more vulnerable, but rather offer them help. A world that remembers those that have been invisible until today and makes its self accessible to all. These are dreams of how people could be thoughtful of one another and not only because a pandemic blocks everything for weeks.

It might seem impossible that this train of desires could ever reach its destination, but up to yesterday, just the thought of having to stay in your house for two months was impossible, and look what happened. The only thing that’s left to do is therefore to prepare for the return to normality, this time putting in more effort than ever before to make at least one of these dreams come true.

(*) This is a reference to the lyrics of the song “Azzurro” by Adriano Celentano.

Per restare sempre aggiornato, iscriviti alla Newsletter.