UNA FOTO DALLA ROTTA

Il traghetto da Smirne a Samos è un contrasto di cose. Questa è una frontiera, un taglio netto tra due mondi in cui valgono regole diverse a seconda del colore del proprio passaporto.

UNA VOCE DI TESTIMONIANZA

Messaggio vocale di Stefano, operatore umanitario a Gaziantep, sul confine turco siriano.

UN FRAMMENTO DI STORIA DA INCONTRARE

“Chiunque parli e orienti l’opinione in maniera anticonformista diventa un pericolo e gli viene chiusa la bocca.” 

Fadi è siriano con origini bosniache, Sarajevo, ed ora vive a Gaziantep. E’ stato cacciato dalla Siria per motivi politici. Non può rientrare mentre ci saranno gli Assad al governo. Lavora presso un’organizzazione umanitaria che opera appena al di là del confine, in Siria, dove c’è tanto bisogno di aiutare la gente. E’ stato sei volte in prigione in Siria: “chiunque parli e orienti l’opinione in maniera anticonformista diventa un pericolo e gli viene chiusa la bocca”.

Per restare sempre aggiornato, iscriviti alla Newsletter.

UNO SPUNTO PER RIFLETTERE

“Il superamento di un confine può essere motivo di vanto o di vergogna. Un viaggiatore ‘legale’ lo vive come un’esperienza gratificante, nello spirito del globalismo e del cosmopolitismo. Ogni viaggio all’estero accresce il suo status sociale, perciò lui lo compie con esultanza. Per il ‘clandestino’ è l’opposto. Nel suo caso il superamento è un atto moralmente vergognoso: il suo gesto è illecito e lui stesso è raffigurato come una persona disagiata, povera, improduttiva, come una vittima. Viviamo un’era di apartheid globale in cui sono i confini a differenziare le persone. Alcuni godono un surplus di diritti mentre altri vengono respinti dalla linea del colore” S. Khosravi, Io sono confine, 121

Reportage La Crepa – Dopo tre anni di viaggio, 25.000 foto, 15 quaderni di appunti, decine di articoli e un World Press Photo vinto, il fotografo Carlos Spottorno e il giornalista Guillermo Abril pubblicano questo straordinario libro sulle frontiere dell’Unione europea che unisce immagine e testo in una forma di racconto inedita e di grande impatto. Marocco, Turchia, Lampedusa, Ungheria, Ucraina, Finlandia sono luoghi in cui le culture vengono a confronto e in cui gli uomini cercano di superare i confini per approdare a un futuro migliore. Tra viaggi della speranza, campi profughi, estremi gesti di accoglienza, ma anche sacche di razzismo e xenofobia.

LINK PER APPROFONDIRE

Libro Io Sono Confine – Questo libro parla di frontiere ma soprattutto di coloro che le violano. E ci invita a cambiare prospettiva ponendoci con urgenza questa domanda: ‘Che cosa vedremmo se il confine lo guardassimo stando dall’altra parte?’. Questa ricerca etnografica condotta da un antropologo iraniano sulla natura non solo fisica ma anche immaginaria dei confini prende le mosse da un’esperienza di migrazione illegale vissuta in prima persona.

Documentario Il confine occidentale – Sui pendii innevati dell’alta Val di Susa decine di uomini e donne provano tutti i giorni a sfidare le alpi per raggiungere la Francia. Queste strade di confine, questi sentieri, non sono una nuova rotta della migrazione, ma vedono transitare da centinaia di anni persone di ogni lingua e colore, in cerca di qualcosa di diverso, forse migliore, spinti dalla forza della libertà e della dignità. Le migrazioni non sono altro che un viaggio circolare dell’umanità. Il voltarsi indifferenti dall’altra parte alle volte è ben più che un rischio, perché nessuno si salva da solo.

Podcast Frontiere  – Raccontare storie che riguardavano la frontiera mediterranea e il suo attraversamento, i viaggi in mare e quelli via terra, grazie alle testimonianze di chi era arrivato salvo, è stato uno dei grandi contributi lasciati da Leogrande, che scriveva: “Se le coste europee non possono essere che frontiera, tanto vale provare a fissare sulla sabbia alcuni dettagli, alcuni brandelli di esistenza, che altrimenti verrebbero meno col venir meno delle persone”.

Red Casas del Migrante – Las Casas del Migrante son un centro de acogida, donde se proporciona alojamiento, comida,apoyo espiritual, orientación, primera atención médica y defensa y promoción de los derechos humanos in America Central.

Reportage Europe Around The Borders – Reportage fotografico e narrativo realizzato tra il 2014 e il 2016 dal fotografo Ivano Di Maria e dal giornalista Marco Truzzi.

Questa è la prima puntata del progetto su Telegram [ link al canale ]. Grazie per averci seguito numerosi e per essere vicini, nonostante i tempi difficili. Alla prossima puntata.

I ragazzi di “Umanità InInterRotta